“ E ho perso anche lui, l’unica persona bella in una grande merda di famiglia.

Sai perché sono impazzita per te? Perché ti senti solo, nonostante tu sia ““famoso”” e quindi pieno di gente attorno, perché sei pieno di persone ma ti manca la persona che ti prenda. Insomma mi piacciono i tipi che sono un po’ un disastro.

Due disastri potrebbero salvarsi entrambi a vicenda, no?

“ Non ho bisogno di nessuno e non sono il bisogno di nessuno.
“ Saremo la generazione con il più alto tasso di sordità dovuta alla musica sparata nelle orecchie in continuazione, ma almeno avremo saputo ascoltare.
"Professoressa, posso farle una domanda?"
"Certo, dimmi."
"Non riguarda la matematica, in realtà riguarda la vita...
Stavo pensando, l'amore non dura per sempre. Quelle sono tutte favole che ci raccontano da piccoli per farci credere in qualcosa che dovrebbe salvarci.
Anche i miei genitori per esempio, io lo so che loro in realtà non si amano.
Si vogliono bene, forse, o forse stanno insieme solo per non dare dispiaceri ai figli.
Ma io lo so, io vedo come papà guarda mamma. Io vedo come vuole ignorarla, io vedo che non l'abbraccia mai, non le dà mai un bacio. Io lo vedo. E vedo mamma che non sopporta più papà e le sue abitudini sbagliate e il suo disordine. Io lo vedo.
L'amore non può durare per sempre, e sempre con la stessa persona. È così?"
"...Arianna, tu hai già capito tutto. Sì, in parte è così."